All posts in Android News

Chromium 28 e Google Translate

Continua il duro lavoro degli sviluppatori del browser Google Chrome per i dispositivi android, ed ecco che è stata rilasciata una nuova versione, la n. 28, con cui sono state apportate una serie di nuove funzionalità per gli utenti che utilizzano questo browser su smartphone e tablet.

chrome android 28

La novità più rilevante inserita nella beta 28.0.1500.21 è sicuramente la barra di traduzione di Google Translate. Proprio come per la versione desktop di Chrome, quando si passa a una pagina in lingua straniera sul proprio telefono o tablet sarà ora possibile far tradurre, dallo stesso browser, la pagina nella propria lingua madre.

Inoltre, Chrome 28 porta tutte le modalità della versione desktop (a schermo intero) sui devices tablet o smartphone. Inoltre è dotato di un nuovo elegante grafico che ha lo scopo di mostrare il risparmio di banda quando si utilizza la nuova modalità di compressione dei dati, anche questa è una funzione sperimentale del browser mobile.

Ovviamente con la nuova versione sono state apportate le solite correzioni al fine di risolvere vari bug riscontrati sulle versioni precedenti. Diversi buoni motivi per aggiornare il software; per chi fosse interessato il changelog completo è disponibile sul sito del progetto Chromium.

Bluetooth 4.0 su Android

Sembra che i ragazzi del Bluetooth SIG (Special Interest Group) fossero tutti insieme per una nuova versione di Android che sarà annunciata oggi; difatti è stato diffuso e pubblicato un comunicato. A detta di questo pubblicato sembrerebbe che la nuova versione di Android sfrutterà la tecnologia Bluetooth Low Energy – conosciuta come Bluetooth Smart – Bluetooth 4.0.

Il comunicato stampa ha continuato a parlare di questa nuova versione di Android per supportare nativamente la tecnologia Smart Bluetooth, che sarebbe stata rilasciata “nei prossimi mesi”. A questo punto ci poniamo solamente un piccolo quesito: non abbiamoo assolutamente alcuna menzione di una nuova versione di Android e ad oggi la versione attuale di Android 4.2.2 non supporta ancora l’intelligenza di Bluetooth. Quindi, cosa succede?

bluetooth android

Il ragionamento è un po’ labile, ma… ci viene da pensare che vi sia una possibilità che Google annunci il lancio di una nuova versione di Jelly Bean poco prima del debutto del nuovo e prossimo Nexus! La Compatibilità con la tecnologia Bluetooth suona certamente degno di un upgrade del software.

Molti dispositivi attuali come il Nexus 4 e altri sono già compatibili con il Bluetooth 4.0, l’unico requisito di cui hanno bisogno per sfruttare la Bluetooth intelligente è quindi quello di un upgrade del software, che permetta di sfruttare l’hardware già installato.
Sembrerebbe, quindi, che con il prossimo aggiornamento del software Google possa permettere grossi benefici dal punto di vista della batteria.

Non ci resta che aspettare un po’ e questa volta anche pregare un po’…

Sundar Pichai ed il futuro di Android

Il nuovo capaccione di Android dice che ‘Non è un momento in cui abbiamo molto in termini di lancio di nuovi prodotti o di un nuovo sistema operativo’

Sundar Pichai ha rilaciato un’intervista alla conferenza Google I / O di quest’anno, dicendo che l’azienda si concentrerà su “tutti i tipi di cose che stiamo facendo per gli sviluppatori”. In un’intervista con Wired, Pichai, che dirige anche il Google Chrome, dice che non è un momento in cui la società ha “molto in termini di lancio di nuovi prodotti o di un nuovo sistema operativo”.

sundar pichai

Difatti, dopo aver recentemente rilevato il ruolo di Andy Rubin, Pichai ha offerto il suo pensiero su una varietà di argomenti, inclusi gli aggiornamenti di Android, il rapporto di Google con Samsung, Facebook Home e le sfide della gestione dei due sistemi operativi.

Ecco alcune parti dell’intervista:
- Sul rapporto tra Chrome e Android: “Android e Chrome sono entrambi grandi, piattaforme aperte, che crescono molto velocemente e penso che giocheranno un ruolo forte”
- Sulla nuova Facebook Home: “.. ‘Eccitante che Facebook abbia pensato prima di Android, in questo caso Android è stato destinato ad essere molto personalizzabile e accogliamo innovazioni quanto riguarda il prodotto specifico, la mia personale interpretazione è che il tempo lo dirà.».
-Sul predominio Android di Samsung:…. “La relazione è molto forte e collaboriamo giorno dopo giorno su una base tattica.”
- Sul futuro hardware Nexus: “Vedrete una continuazione di quello che abbiamo cercato di fare con il Nexus e Chromebooks. Eventuali progetti hardware hanno l’obiettivo di spingere in avanti l’ecosistema».
- Sugli aggiornamenti lenti di Android: “Stiamo pensando a come Android possa gestire meglio gli aggiornamenti. Stiamo parlando con i nostri partner e ci stiamo lavorando su, ma al momento abbiamo bisogno di tempo per capire…. ma è sicuramente un punto focale per me e per la squadra”.
Su cosa aspettarsi da I / O di quest’anno: “Sia su Android e Chrome, stiamo andando a focalizzare questo I / O su tutti i tipi di cose che stiamo facendo per gli sviluppatori, in modo che possano scrivere cose migliori. Mostreremo come i servizi di Google stiano facendo cose incredibili su queste due piattaforme.”

Alcuni miglioramenti per Android

Con Google I/O proprio dietro l’angolo vi è una buona occasione per vedere come gli sviluppatori di Google potrebbero guardare a iOS, il loro più grande concorrente, per cercare ispirazione per nuove implementazioni.

Per esempio, una funzione di iOS di lunga data che gli utenti Android hanno chiesto a gran voce negli ultimi tempi sono le notifiche lockscreen. Questo è uno dei più grandi vantaggi di iPhone. I nuovi messaggi, interazioni app e gli avvisi compaiono direttamente sul display nonostante ci sia il lockscreen. Muovendo la notifica l’utente entra direttamente nell’applicazione attiva.

miglioramenti android

In confronto, Android non offre notifiche lockscreen. Alcuni sviluppatori hanno tentato di affrontare la questione lavorando sull’ interfaccia utente, ma la funzione non è nativa del sistema Android.

Ma cos’altro offre iOS che non si può realizzare in un modo o nell’altro sui dispositivi Android?
La funzione Photo Stream di iOS è un vero e proprio gioiello; una funzione che permette di condividere un album di foto dal telefono, facendo sì che gli altri possano accedere e visualizzare la foto è un’applicazione intuitiva e facile, che incorpora direttamente le foto nella galleria dell’ iPhone, ma è tutt’altro che unica. Difatti tramite Google+ i caricamenti delle foto create tramite lo smartphone Android può raggiungere più o meno gli stessi risultati (con funzionalità di social networking aggiunto); tuttavia tutto ciò potrebbe essere nativo.

Un altro elemento da considerare è la messaggistica app di Apple. Basato sul dispositivo e di rete, i messaggi vengono elegantemente commutate tra un SMS standard e un IMessage. Google deve ancora implementare una funzione simile nella propria azione di messaggistica app, un servizio che sembra continuamente trascurata negli aggiornamenti di Android. Tuttavia, sembra che Google stia lavorando per una soluzione con Babel, una piattaforma di messaggistica integrata, che si estenderà su diversi servizi di Google, come GTalk e Gmail.

Altra fonte di ammirazione è il menu Impostazioni di iOS. Il Menu Impostazioni di Android, invece, è un po’ disordinato e non sempre chiaro.

Vedremo se nei prossimi mesi Google lavorerà per migliorare queste mancanze e ci presenterà qualcosa di nuovo…

Canali a pagamento su Youtube

E’ da tempo che Youtube ha problemi con la monetizzazione del suo servizio. Questo è stato il motivo principale perchè la società venne venduta a Google un po’ di tempo fa. Per questo motivo vennero inserite le pubblicità di adwords nei video, ed oggi parte una nuova iniziativa: Canali a pagamento!!!

youtube pagamento

Infatti YouTube ha fatto un grande annuncio: abbonamenti a pagamento per alcuni canali. Già da un po’ di tempo si era diffusa la voce che YouTube stava preparando una sorta di modello di pagamento ed oggi è divenuta realtà. Questo è l’inizio di un programma pilota che probabilmente vedrà nascere molti altri canali premium in futuro.

Quindi, come funziona e quanto costa? Ci sono un paio di possibilità di scelta tra i canali YouTube a pagamento oggi. Alcuni canali offrono sconti se si sottoscrive un abbonamento per un anno intero. Tutti i canali offrono anche una prova gratuita di 14 giorni. Una volta iscritti, è possibile guardare il canale youtube sia sul computer, sia su dispositivi mobili.

YouTube è una grande piattaforma e ha sempre fornito innumerevoli video gratuiti con il supporto di annunci. Quel modello è sempre lo stesso e non cambierà. Tuttavia, penso che YouTube vuole essere in grado di offrire ai propri utenti la possibilità di accedere a contenuti di qualità superiore volto a un certo pubblico che è disposto a sborsare un po ‘di soldi.

Rubinstein entra nella Qualcomm

Uno dei più grandi nomi nel mondo dei processori e delle radio acquisisce una leggenda nel settore della telefonia mobile.

Dopo un periodo relativamente tranquillo dopo la sua partenza da HP nei primi mesi del 2012, Jon Rubinstein è tornato alla ribalta e ad attirare l’attenzione dei media, infatti si è unitoal consiglio di amministrazione della Qualcomm, famosissima società produttrice di chip per cellulari. Rubinstein è ben considerato come una delle poche persone che hanno guidato la creazione di moderni dispositivi mobili, famoso per gli anni trascorsi a Palm come presidente esecutivo e successivamente come amministratore delegato.

rubinstein

Il Dr. Paul E. Jacobs, CEO di Qualcomm, ha espresso le seguenti parole in favore di Rubstein:
“La sua esperienza nella creazione di elettronica di consumo e prodotti mobili rivoluzionarie fornirà una certa intuizione a bordo di Qualcomm, mentre continuiamo ad espandere la portata e l’impatto di prodotti wireless e la tecnologia, per migliorare e rafforzare la vita delle persone in tutto il mondo.”

Qualsiasi azienda in questo settore sarebbe entusiasta di avere una mente come Rubinstein, e sarà interessante vedere come riuscirà a portare nuove idee per espandere sempre più il business di Qualcomm nel prossimo futuro.

Sicuramente Rubinstein non può essere conosciuto per lo sviluppo di processori e radio, ma è difficile quantificare la quantità di conoscenze che ha nel mondo della telefonia mobile nel suo complesso.

Noah Falstein nel team di Google

Un nuovo grande acquisto è stato incorporato nel team di Google. L’uomo è Noah Falstein e secondo il suo profilo LinkedIn, Mr. Falstein è ora il nuovo “Chief Game Designer? di Google.
Falstein è un nome molto noto nello sviluppo dei giochi e visto che per quanto ne sappiamo noi Google non è specializzata nei giochi questo ci risulta alquanto strano.

falstein

Probabilmente qualcosa di grosso bolle in casa Google; potrebbe trattarsi di un qualche nuovo sviluppo per i Google glass, o qualcosa di nuovo.

Per coloro che non hanno familiarità con il suo lavoro, Falstein lavora nel settore dei giochi informatici dal 1980, spaziando in aziende come LucasArts, 3DO e Dreamworks Interactive, ed è stato il designer dietro una serie di titoli di successo.

In ogni caso, sempre analizzando il profilo Linkedin di Falstein abbiamo scoperto che lavora o quantomeno collabora con Google già da un po’, infatti si può vedere come vecchia posizione quella di “Chief Game Designer at Android Play Studio”.

Che si tratti di giochi o di un nuovo sviluppo delle app ce lo dirà solo il tempo. Quello che ci interessa, per il momento, è che con un membro del calibro di Falstein tutte le novità saranno sicuramente ottime… non ci resta che stare a guardare!!!

Android trema dinanzi al Windows Phone?!

I reports relativi alla crescita dei vari prodotti nel mondo dei cellulari possono servire da un lato ad interpretare i fatti e dall’altro a manipolarli in modo da far sì che alcune società possano sembrare meglio di quello che effettivamente sono. Proprio per questo motivo abbiamo ritenuto di prendere con le pinze gli ultimi risultati di Kantar Worldpanel riguardanti la crescita del sistema operativo iOS negli Stati Uniti. Secondo questi dati, infatti Windows Phone sta rubando terreno al mercato di Android, con il sistema operativo di Microsoft che riporta un tasso di crescita dell’1,5% da febbraio a marzo, mentre Android è sceso dell’ 1,9%.

android windows

Per cominciare non dobbiamo innanzitutto dimenticare che Android detiene ancora un vantaggio molto dominante su tutto il resto, come è rappresentato dallo stesso report delle vendite di marzo, che vede Android al 49,3% del mercato globale. iOS è secondo al 43,7% e Windows si posiziona al terzo posto, con il rimanente 5,6%. Sicuramente è netto il miglioramento di Windows che guadagna circa il 2,4% dal 3,2% che aveva ottenuto lo scorso gennaio, ma dall’altro punto di vista un’oscillazione nel mercato è assolutamente normale.

E’ facile capire che il sistema operativo di Google ha raggiunto il punto di un altopiano di una montagna che è difficile da scalare ulteriormente, e non dobbiamo guardare con ansia il fatto che abbia perso un paio di punti percentuali durante il tempo di inattività significativo che generalmente segue il periodo delle vacanze natalizie.

Sicuramente i prossimi report saranno completamente diversi, in quanto il lancio di nuovi dispositivi ed il grande successo che riceveranno i prodotti di punta di Samsung e HTC – il Galaxy S4 e l’HTC One – spingeranno nuovamente verso l’alto la diffusione del sistema operativo android.

Al contrario il successo di Windows Phone degli scorsi mesi dipende in gran parte dalla diffusione del Lumia di Nokia (che tuttavia è stato alquanto insoddisfacente) e che ormai è in fase di stallo. Con ciò non sto insinuando che Windows Phone sta per scomparire nuovamente, ma solamente che lo sviluppo ottenuto nel mese di gennaio non rappresenta quello che sarà il trend del 2013

Android 5.0 ? No, ecco Android 4.3

ANDROID 4.3 : Jelly Bean sembra non voler proprio morire! Il sistema Android più solido e innovativo mai prodotto da Google, Jelly Bean appunto, rilascia una nuova versione, la 4.3 che quindi va a precedere l’uscita di Android 5  Key Lime Pie, non ancora dichiarata ufficialmente, almeno in termini di tempo.

nexus-4-offerta

Android 4.3 Jelly Bean sarà dunque realtà, anche se le probabilità di vederlo solo a bordo dei Nexus è davvero altissima visto l’annunciata uscita di Android 5.0, e visti i tempi di rilascio degli aggiornamenti da parte delle case produttrici più famose come Samsung e HTC.

Rumor parlano di un Android 4.3 destinato ai soli Nexus 4, Nexus 10 e Nexus 7, ma onestamente appare davvero difficile e sopratutto ingiusto, lasciare fuori… Read more…

Facebook Home un flop?

Quando Facebook ha lanciato la propria applicazione Facebook Home è andata incontro con una serie di reazioni contrastanti. Alcuni elogiano le funzionalità dell’applicazione per offrire un mezzo facile e bello per tenere sotto controllo tutto ciò che riguarda il proprio account Facebook, mentre altri sono rimasti decisamente contrari poichè non accettano di rinunciare alla funzionalità chiave di Android ed essere spiati con gli aggiornamenti di stato di Facebook ed immagini di 24 ore su 24. Per fortuna non è un obbligo utilizzare la Facebook Home, quindi il download non è obbligatorio per tutti.

aggiornamento facebook

Bene, ora diamo un’occhiata ad alcuni numeri per vedere quante persone hanno deciso di dare una possibilità alla Facebook Home. L’applicazione è stata scaricata almeno 500.000 volte da quando è stata lanciata sul Google Play Store. Cifra di download strabiliante raggiunta in appena cinque giorni, ma ciò nonostante non sembra un numero enorme nel mondo di Facebook, un mondo che è costituito da poco più di un miliardo di utenti!!!

Solo per fare un confronto analizziamo i dati di Instagram per Android, che ha ottenuto lo strabiliante numero di 1 milione di download nel primo giorno e 5 milioni di download in poco meno di una settimana.
Proprio di fronte a questi dati sembra che i 500.000 download della Facebook Home sia più un fallimento he un gran successo.

Non aiuta molto il fatto che l’applicazione fosse disponibile solamente negli Stati Uniti…

UA-20029821-1